e-mail: bastogi@tin.it


 

FRANCO MALNATI

DALLE CORONE AL CAOS
Alle origini della catastrofe mondiale
Prefazione di Aldo A. Mola


F.to 16x23, pp. 256, Euro 18,00
(Ed. 03/2002) Cod. ISBN 88-8185-436-8
COLLANA : De Monàrchia

 

IL LIBRO E L'AUTORE

  Franco Malnati, con questo nuovo libro in qualità di "revisionista totale", come egli stesso si definisce, sposa interamente la causa della religione cattolica e del principio monarchico con coerenza e perfetta buona fede, sviluppando un excursus storico, dalla rivoluzione francese ed americana ai giorni nostri, imperniato sulla prima guerra mondiale, nel corso della quale l’intervento degli Stati Uniti provocò un mutamento radicale, con il crollo di quattro imperi e la destabilizzazione mondiale ancora in corso.

  FRANCO MALNATI, nato a Rimini l’11 agosto 1923, risiede a Bergamo fin dall’infanzia. Avvocato libero professionista, patrocinante in Cassazione, esercita l’attività da quasi mezzo secolo, prevalentemente nel campo civilistico. Sposato, con tre figli maschi (un giornalista, un archeologo, un diplomatico).
  Volontario, durante la seconda guerra mondiale, nella Milizia Universitaria, non prese parte ad azioni belliche. Non aderì alla repubblica Sociale Italiana e collaborò alla Resistenza a livello locale, astenendosi però dal prendere parte alle vicende dell’aprile 1945.
  Politicamente si identificò, a partire dal 9 settembre 1943, con l’ideale nazionale monarchico, al quale è rimasto saldamente fedele, svolgendo opera di militanza istituzionale in tutte le possibili sedi. Ha scritto centinaia di articoli, tenuto numerose conferenze, partecipato a congressi, riunioni, dibattiti, sempre sostenendo la necessità, per l’Italia, di una restaurazione monarchica, e, altresì, portando avanti un discorso più generale in ordine ai difetti dell’istituzione repubblicana, nonché all’imprescindibilità di una revisione storica sui grandi avvenimenti mondiali degli ultimi secoli. In particolare, ha pubblicato nel 1998, per questa stessa collana, La grande frode - Come l’Italia fu fatta Repubblica.
  È pronipote dell’accademico d’Italia Angelo Gatti.
  Ha servito anche l’attuale Repubblica, ricoprendo gratuitamente per circa un ventennio la carica di Vice-Giudice Conciliatore di Bergamo, e stendendo quasi un migliaio di sentenze.
  È membro della Consulta dei Senatori del Regno.