e-mail: bastogi@tin.it


 

ISACCO ARTOM
E GLI EBREI ITALIANI
DAI RISORGIMENTI AL FASCISMO

a cura di Aldo A. Mola
prefazione di Luigi Florio


F.to 16x23, pp. 208, Euro 12,50
(Ed. 04/2002) Cod. ISBN 88-8185-460-0

 

IL LIBRO

Saggi di

Oreste BOVIO
Alberto CAVAGLION
Augusto COMBA
Bruno DI PORTO
Luigi FLORIO
Adriana MARCHIA
Antonio MARTINO
Aldo A. MOLA
Sophie NEZRI DUFOUR

  L’astigiano Isacco Artom, segretario particolare di Camillo Cavour, il torinese David Levi, profeta dell’unificazione nazionale, il cuneese Lelio della Torre, "italiano per nazione, israelita per religione", e innumerevoli altri ebrei d’Italia dai Risorgimenti - che ne comportò la parificazione dei diritti - al regime e oltre rivisitati in una documentata riflessione.
  Ne emerge il nesso inscindibile tra indipendenza italiana e comunità ebraiche all’insegna della libertà, della pace tra i popoli e del progresso civile e della pace tra i popoli. Proprio Isacco Artom ne fu costantemente assertore, anche da Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri.
  Corredano il volume documenti inediti o dimenticati.
  Un libro tempestivo e attuale, realizzato dalla Città di Asti, dal Centro europeo "G. Giolitti" per lo studio dello Stato e dall’Istituto Italiano per gli studi filosofici (Napoli).