e-mail: bastogi@tiscali.it


 

MARIO BONANNO
GIANCARLO BORNIGIA

PIPER CLUB
STORIA MITO CANZONI

F.to 16x23, pp. 112, Euro 10,00
(Ed. 11/2005) Cod. ISBN 88-8185-825-8

 

  Il Piper è stato un mondo irripetibile. Una terra vergine e promessa. Un locale enorme. Colorato. Il tempio della plastica, del vetrocemento, della pop art, dei riflettori a raggi ultravioletti. Il Piper è stato un invito al consumo: di Pepsy, di amore, moda, vita, libertà. È stato una categoria dello spirito alla quale accedere con quel tanto, o poco, di timore e di tremore, da farne meta ambita. Il Piper è stato un ricettacolo di varia ed eventuale umanità.
  Era un garage, un rifugio antiatomico, un hangar, una palestra di vita e di ballo. Era un attacco pacifico al cuore dello stato, uno schiaffo al sentire paludato dei moralisti, de benpensanti. Era un antro amniotico, un riparo, il paradiso perduto, il luogo in cui baciarsi non era peccato, il regno delle possibilità: come per esempio ballare fianco a fianco col divo del momento, scatenarsi sulla pedana, appartarsi con gente di razza e colori diversi.
  Un mondo nuovo che cominciava e finiva alla fine di tre lunghe rampe di scale.
  Quarant’anni dopo queste sono le sue memorie.

  MARIO BONANNO (Catania, 1964) scrive di musica sulla stampa specializzata e periodici nazionali. Presso questo editore ha pubblicato: Paolo Conte. Sotto le stelle del jazz; Max Gazzé; Francesco De Gregori. Cercando un altro Egitto; Angelo Branduardi. Futuro antico; Andrea Mirò; Vincenzo Spampinato. Lettere mai spedite e rime tempestose; Con rabbia e con amore. Dizionario dei cantautori italiani; Ivan Graziani. Il chitarrista.

  GIANCARLO BORNIGIA (Roma 1930). In oltre 40 anni di attività imprenditoriale nel settore dell’intrattenimento notturno è stato deus ex machina di locali divenuti ritrovo della mondanità capitolina ed internazionale. A lui si deve l’invenzione del leggendario Piper Club.