e-mail: bastogi@tiscali.it


 

STEFANO PEVERATI

L'OCCHIO DEL POTERE
romanzo

F.to 16x23, pp. 184, Euro 14,00
(Ed. 02/2007) Cod. ISBN 88-8185-942-4

 

IL TESTO E L'AUTORE

  Il professor Martinez dedica la propria vita allo studio della cultura dell’antico Egitto. A metà degli anni Ottanta scopre alcune tracce di una non ben identificata gemma, dotata di favolosi poteri, la cui origine si perde nella notte dei tempi. I suoi successi in campo scientifico attirano l’attenzione di Aristotele Vassilis, un potente boss greco a sua volta sulle tracce della misteriosa gemma, che decide perciò di assumerlo alle sue dipendenze. Grazie all’apporto di Martinez, ma soprattutto della figlia Elisa, dopo una ricerca durata più di vent’anni, tutto è pronto per accedere alla camera segreta che custodisce la gemma. Ma Elisa scopre drammaticamente le vere intenzioni di Aristotele ed il diabolico piano che il boss intende perseguire grazie al potere della pietra.
  La donna vorrebbe fermarlo, ma Vassilis le scatena contro i suoi sicari, dando vita ad un inseguimento forsennato per le vie della città di Kos. Elisa, tuttavia, riesce a liberarsi della chiave USB che contiene gli schemi criptati per raggiungere la gemma, nascondendola nell’auto di due turisti italiani.
  Marco e Laura si ritrovano così coinvolti in un intrigo che li porta ad affrontare insidie tremende, alla caccia della gemma e della soluzione di un mistero atavico.

  STEFANO PEVERATI ha trentanove anni, risiede a Portomaggiore (FE) ed è alla sua prima esperienza di scrittura in campo narrativo. Ha conseguito la laurea in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Bologna. Attualmente è marketing manager di un’azienda che si occupa di cooperazione internazionale. Collabora anche con l’Istituto di Sociologia della facoltà di Scienze Politiche di Bologna per approfondimenti della teoria di Karl Popper.
  È autore del capitolo "Una ricaduta a referenzialità definita" che fa parte del manuale Il ciclo metodologico della ricerca sociale, 1998, Franco Angeli, Milano.